Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

In fondo è l’unica cosa che chiedono.

Come quando si va da un medico e si aspetta che esamini analisi e referti e che sollevi finalmente lo sguardo dalle carte e ci dica che va tutto bene o che comunque esiste una medicina per guarire.

20200120 respingimento 1

Speranza, non si chiede di più quando si entra nello studio di un medico.

O di un avvocato.

I nostri assistiti stranieri tuttavia il loro male lo portano proprio ed esclusivamente nelle carte che ci mostrano nella speranza, appunto, di sentirsi dire che c’è una soluzione per neutralizzarle, perché in fondo sono solo carte.

Alcuni di loro, i più creativi o i più pavidi, quei documenti li fanno immediatamente e letteralmente in coriandoli nella segreta convinzione che la loro distruzione comporti la cancellazione del problema, senza accorgersi che invece così rendono solo più difficoltosa ed improbabile la ricerca di una soluzione.

Con o senza carte in mano questi nostri clienti sono portatori, seppure sanissimi, di un male in realtà tutto nostro.

Che riguarda non i loro comportamenti né tanto meno una loro infermità fisica o morale, ma esclusivamente la nostra spietata burocrazia e le nostre leggi disumane.

Per assurdo "quel male" gli deriva infatti solo dal non avere carte o meglio dal non avere le carte giuste.

In Francia li chiamano precisamente "sans papier" .

Persone che non hanno il permesso di soggiorno, non perché non lo vogliano o non l’abbiamo chiesto ma perché gli è stato negato o revocato.

20200120 respingimento 1a

Nei casi peggiori a quella assenza di carte si è sommata la notifica di altre sbagliate: il decreto di espulsione o di respingimento oppure l’ordine di lasciare il nostro Paese.

Il foglio "vai via" come lo chiamano i più ironici degli espulsi.

Abbiamo chiesto qualche giorno fa al Ministero degli Interni di fornirci i dati delle espulsioni decretate nel 2019.

La risposta impietosa ma precisa è 22.760 provvedimenti espulsivi emessi, ai quali bisogna aggiungere 9178 respingimenti alla frontiera e 1000 respingimenti dei questori.

Un totale di 32.938 persone "mandate via".

Poi ci sono altre 3791 creature che il permesso di soggiorno lo custodivano gelosamente ma la pubblica amministrazione (che è pure composta di uomini e donne) glielo ha revocato ed altre 7906 che vivono regolarmente in italia da anni alle quali è stato negato il rinnovo del permesso di soggiorno.

E le migliaia di altri, senza neppure una cifra da statistica che li comprenda, ai quali è stato negato l’approdo, il rifugio e la protezione.

Ci chiedono tutti una speranza. Una magia che faccia sparire o apparire carte, che ripristini diritti che pure dovrebbero essere inviolabili: migrare, lasciare il proprio paese quando la vita diviene invivibile e restare laddove le ferite hanno iniziato a rimarginare e l’esistenza a ricomporsi.

Secondo Erri De Luca la speranza "è l’ultima dea quando le altre divinità si sono dileguate... ignorarla spinge in avanti.

I sommersi e gli sbarcati nel Mediterraneo esprimono una necessità più forte di qualunque attesa. Sono perciò invincibili."

Questa moltitudine di sans papier è in questo senso, disperata e inarrestabile.


articolo precedentemente pubblicato da Repubblica

L'autore.
Avvocato civilista specializzato in diritti umani e immigrazione

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca