Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

adultità

  • Indagare con uno sguardo pedagogico i percorsi di crescita e di iniziazione maschile [1] al mondo adulto nella letteratura del Novecento sembrerebbe portare fatalmente e scontatamente a un percorso che attraverso Salinger e Conrad rilegga il grande romanzo di formazione e ne confermi le straordinarie categorie estetiche ed educative. Ci sia consentito invece scegliere una strada laterale, indagando pedagogicamente un paio di altri contributi letterari a un discorso sulla crescita e sull’iniziazione all’età , contributi che ci porteranno ad esiti più inquieti e per certi versi meno scontati.

    20131125 iniz1

  • Nel 2012, a 10 anni, Daahir si è seduto nella sua aula scolastica a Mogadiscio, in Somalia. Il rumore degli spari che fendevano l’aria e si sentivano vicinissimi, interruppero la lezione. Mentre Daahir tornava a casa, ha sentito che i combattimenti erano scoppiati tra le forze governative e un gruppo di militanti di Al-Shabab. Daahir è arrivato a casa e ha trovato suo padre ucciso dai colpi di arma da fuoco.

    20180619 crisi rifugiati 2

  • La maggior parte dei genitori dà per scontata l’esistenza di un periodo critico nella vita dei loro figli, l'adolescenza, e considera gli adolescenti come creature problematiche, soggette a difficili stati d'animo e a periodi di ribellione. Il dottor Robert Epstein, uno psicologo formatosi ad Harvard, non è d’accordo e afferma che l'adolescenza sia un'invenzione moderna dell’Occidente.

    20180613 invenzione 3

  • I giovani oggi proseguono la loro istruzione più a lungo e, parallelamente, pospongono il momento dell’autonomia, del matrimonio e della genitorialità. Questo nuovo scenario ha giocoforza modificato la percezione diffusa di quando inizi la fase dell’adultità.

    20180122 durata 5

  • È in atto un cambiamento significativo nel modo in cui i giovani si identificano con gli adulti. Mentre i ragazzi della generazione dei cosiddetti “millennials” si sono trovati a crescere in una fase storica di adolescenza estesa e con modelli di comportamento improntati al giovanilismo che hanno rallentato la loro maturazione, quelli della successiva “gen Z”, formata dai giovani nati nei primi anni del nuovo millennio, stanno crescendo e raggiungendo l’adultità molto prima dei loro fratelli maggiori.

    20160223 adultità 3a

Iscriviti alla newsletter

Link amici

Area riservata