Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

comunità

  • Il cambiamento matura in modo imprevedibile

    Il fallimento educativo è spesso
    solo apparente, perché le esperienze

    20170209 cambiamento a

  • Il carcere è inefficace per il recupero dei giovani autori di reato

    Quando avevo 16 anni sono stato accusato di omicidio di primo grado, per essere stato seduto nel sedile del passeggero di un’auto coinvolta in una fuga con sparatoria. Di fronte alla prospettiva di passare 25 anni della mia vita in una prigione per adulti, mi sono dichiarato colpevole e ho trascorso i successivi otto anni della mia esistenza in un carcere per giovani autori di reato.

    20190520 inutilità carcere

  • Il miele e l'aceto - Introduzione

    Per gentile concessione dell'autore e dell'editore, pubblichiamo l'introduzione de "Il miele e l'aceto" di Lamberto Bertolè (Novecento editore).

    Un giorno mi è capitato di leggere, con sgomento, in un trafiletto di giornale, che un ragazzo di quarta o quinta liceo si era suicidato perché non poteva più attendere di vedere se vi fosse un aldilà dopo la morte e, soprattutto, di sapere quale religione avesse detto la verità, quale fosse il vero Dio. “Se il destino dell’uomo è segnato, che senso ha aspettare?”, deve aver pensato. Il desiderio di assoluto, il bisogno di verità non gli avevano lasciato scampo. E il mio sgomento, nel leggere la notizia, ora lo so per certo, misurava la mia distanza di adulto da quell’età misteriosa, l’adolescenza, che era la sua età e non più la mia.

     20150610 lamberto

  • Il ruolo della famiglia

    Il ruolo della famiglia
    i conflitti e la mancanza
    per i giovani autori di reato

    20170516 famiglie 4

  • Jamie

    La chiamata arriva alle due di  pomeriggio , appena dopo pranzo, ed interrompe la sensazione di rifiuto  che prova di fronte  ai compiti che lo attendono e la ricerca di un auspicabile cambio di priorità che lo sposti dallo schermo del computer.
    Il display del cellulare s'illumina  ad intermittenza e sembra suggerire una certa urgenza in termini d'attenzione e questo lo sollecita; pertanto tasta  il pacco di sigarette nel taschino laterale della giacca, e poi esamina la scrivania in una ricerca vana dell'accendino, che difatti ha nella tasca dei jeans.

    20150728 jamie 3

  • Le neomaggiorenni in uscita dalle comunità e dall’affido e l’accoglienza di madri con bambino: riflessioni e questioni aperte.

    Le ragazze o giovani donne madri accolte in comunità mamma-bambino presentano un alto tasso di problematiche familiari vissute nella famiglia d’origine: assenza di uno o entrambi i genitori; ambienti familiari disfunzionali e degradati; violenze e abusi intrafamiliari subiti; trascuratezza e basso livello culturale.

    20160321 madre bambino1a

  • Le priorità per ridurre la violenza nelle comunità, secondo gli adolescenti

    Quando i ricercatori hanno chiesto ai ragazzi di individuare soluzioni e proposte per ridurre la violenza nella loro comunità, gli adolescenti hanno espresso raccomandazioni chiare: migliori opportunità di lavoro, più attività di dopo-scuola e un ambiente più pulito nella città.

     20151209 lavoro violenza 3

  • Lettera a D.

    Ricordo bene il giorno che ci siamo conosciuti, nella vecchia sede della comunità femminile che ti ospitava da poco più di un anno.

    20150203 racconto D Luca

  • Minori e comunità. L'intervento di Federico Zullo.

    L'intervento di Federico Zullo
    alla presentazione, tenutasi il 17 luglio a Roma, della campagna:

    "#5buone ragioni per accogliere i bambini che vanno protetti".   

  • Minori e comunità. L'intervento di Jennifer Zicca.

    L'intervento di Jennifer Zicca 
    alla presentazione, tenutasi il 17 luglio a Roma, della campagna:

    "#5buone ragioni per accogliere i bambini che vanno protetti".   

  • Minori e comunità. L'intervento di Laura Laera

    L'intervento di Laura Laera 
    alla presentazione, tenutasi il 17 luglio a Roma, della campagna:

    "#5buone ragioni per accogliere i bambini che vanno protetti".   

  • Nuovi luoghi e relazioni di autonomia partecipata

    Da qualche mese è stato inaugurato a Milano un nuovo progetto abitativo di housing sociale. Si chiama Cenni di Cambiamento, ed è nella zona ovest di Milano, vicino allo stadio San Siro, tra il deposito ATM di via Novara e la caserma Perrucchetti.

    L’intervento, che si caratterizza da un punto di vista architettonico per essere la più grande struttura realizzata con un sistema di pannelli portanti esclusivamente in legno, è il frutto di un intreccio di attori che, a vario titolo, hanno contribuito alla sua realizzazione: Polaris Real Estate, Fondazione Housing Sociale, Comune di Milano; ma anche il gestore sociale Dar-Casa e Fondazione Cariplo, che ha reso possibile l’ingresso nel progetto di 11 associazioni del privato sociale. Nei 4 corpi che caratterizzano la struttura, vi abitano 123 nuclei familiari e tra questi - come detto - ci sono anche 11 organizzazioni no profit che, in modi diversi, si occupano di abitare.

    20140417 housing1

  • Passioni

    La parola Passioni

    nel portale 

    Non ci sto dentro

  • Terzo Settore e Servizi della Giustizia Minorile

    Il rapporto tra il Terzo Settore e i Servizi della Giustizia Minorile mi sembra che sia caratterizzato oggi da una ottima e sempre più collaudata collaborazione. Quando è entrato in vigore il nuovo Codice del Processo Penale Minorile, ad una legge decisamente innovativa e sfidante, non corrispondeva una adeguata preparazione del terzo Settore, che si ritrovava improvvisamente investito della responsabilità di dare attuazione alla Legge accogliendo i giovani autori di reato presso le proprie comunità.

    20140717-relazione2

  • Una lettera per TE

    Era il 26 novembre 2008 quando sei arrivata e ancora per due giorni avresti avuto 11 anni. Eri una bambina o almeno così ti presentavano. Certo con un passato (neanche tanto passato) molto pesante. Credo la tua sia stata una delle relazioni di presentazione del servizio sociale più difficile da leggere per intero, in una volata sola – ma sempre bambina eri o sembravi ai nostri occhi.

    20150630 giulia2

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Link amici

Area riservata