Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Gli anni della preadolescenza sono particolarmente importanti nello sviluppo emotivo e fisico di un ragazzo, e alcuni fattori di questa fase devono essere considerati con attenzione proprio in vista di quel turbolento periodo di crescita e cambiamento rappresentato dall'adolescenza.

20171108 medie 1a

Tra i 13 e i 20 anni, gli adolescenti devono sviluppare una personalità autentica, tra i molti sé possibili derivati ​​dai pari, dalle cerchie degli amici, dai mass media e dai modelli di comportamento che sono stati proposti dagli adulti.

20170705 scelta

I programmi scolastici volti a educare i ragazzi e gli adolescenti su come comprendere e gestire le emozioni, le relazioni e gli obiettivi di studio, devono progredire, puntando a migliorare la capacità degli individui nel creare attorno a sé un clima relazionale di rispetto, aiutando gli adolescenti ad aumentare la loro autonomia nel processo decisionale.

20170626 competenze sociali 1

Gli anni dell’adolescenza e quelli dell’università sono spesso considerati come periodi di esplorazione, durante i quali, per la prima volta, gli adolescenti e i giovani adulti iniziano a prendere decisioni per conto proprio. Tuttavia, le strategie di esplorazione possono cambiare in modo significativo durante il passaggio dall'adolescenza alla giovane età adulta.

20170308 decidere 2a

Per lungo tempo si è creduto che, se si vuole massimizzare il potenziale intellettuale di una persona, sia necessario iniziare a occuparsene da quando è molto giovane. Secondo questa visione tradizionale, la prima infanzia offre una prezioso "finestra di opportunità" o "periodo sensibile" per l'apprendimento, la quale si chiude lentamente mentre si raggiunge l'adolescenza.

20170118 finestra 2a

Quasi mezzo milioni di ragazzi hanno da poco iniziato il loro primo anno di scuola superiore.  Esiste la possibilità di insegnare loro metodi nuovi e più efficaci per affrontare al meglio  tutto lo stress e l’insicurezza che li attendono?


20161005 social stress 2a

Mi è capitato qualche giorno fa di passare, intorno all'orario di chiusura, fuori da una scuola superiore. I ragazzi e le ragazze, mentre si allontanavano, festeggiavano vistosamente...l'ultimo giorno di scuola. Mi ha colpito il fatto di non percepire solo gioia e serenità nell'inizio del periodo di vacanza ma piuttosto rabbia, insofferenza e disillusione verso un luogo che per tre mesi non dovranno rivedere.

20161606 cardilli scuola 3

Penso che oggi essere giovane sia molto difficile; ci sono poche certezze e gli adulti hanno perso la capacità di sognare e tramandare alle nuove generazioni speranza, ottimismo e la determinazione di lottare in ciò in cui si crede. Inoltre ritengo che le ragazze ed i ragazzi non vengano considerati né ascoltati abbastanza dagli adulti, spesso immaturi o troppo indaffarati. Credo che la fotografia sia molto importante in questa età ricca di trasformazioni; penso possa essere uno strumento per sviscerare certe emozioni che con la parola magari risulta essere più difficoltoso esprimere.

20150713 Copertina libro

I percorsi di mediazione scolastica sono almeno due, a seconda delle domande esplicitate.
Qualora la richiesta sia maggiormente incentrata sulla necessità di apprendere come utilizzare le contraddizioni e le contrapposizioni per farle evolvere attraverso strategie di cooperazione, il percorso privilegiato è il gruppo ‘metalogo’, ovvero un gruppo nel quale i partecipanti apprendono a dare senso alla propria esperienza relazionale, lavorando direttamente sui propri processi di senso.

20150702 mediazione 3

Per alcuni anni ho svolto l’esperienza professionale di psicologo scolastico nelle scuole medie inferiori, attivando e realizzando lo Sportello d’Ascolto rivolto ad alunni, insegnanti e genitori. Nell’ambito di questa attività spesso mi sono trovata a fronteggiare situazioni conflittuali che richiedevano, più o meno specificamente, un lavoro di mediazione per il quale, necessariamente, occorrevano un ruolo e delle competenze separate e differenziate.

2015072 mediazione1

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca