Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Mi ha aiutata mio figlio Antonio 
a rompere il matrimonio 
e la piccola Maria
che ha chiamato la polizia 

20161017 rivoluzione 3a

(l’affidataria)

A volte sento proprio che mi manca l’aria.
Da qualche mese sono una zia affidataria.

20160921 sgomento

(il fratellino)

Io sono piccolo, sono un bambino.
(Posso mangiare un altro panino?)

20160913 mangione 2

È sempre difficile credere che un genitore maltratti i suoi figli, e se poi è la madre a farlo questo può sembrare veramente impossibile. Così accade che i bambini non vengano ascoltati e che tutti – dall’insegnante al vicino di casa, fino a chi scrive sul giornale – si sentano in diritto di mettere bocca.
Il prezzo più alto, dopotutto, lo pagano i bambini.

20160905 ritornello 3

Tutti abbiamo bisogno di un motivo per fare le cose. Per i bambini non è diverso. 
Nei processi dove sono vittime spesso si pretende che stiano ai tempi e ai modi previsti dal processo e raccontino a comando quello che ci si aspetta, nei modi in cui siamo disposti ad ascoltarli. 
Ma a volte mi chiedo: i bimbi che motivo hanno per venirci incontro?

Ogni gioco
ha il suo scopo.

20160718 filastrocca scopo2

C’è chi pretende che un bambino maltrattato o violentato parli di quello che ha vissuto soltanto dentro al processo. Ci si dimentica che il processo può durare anni e il bambino intanto sta male, sente il bisogno di raccontare. Un raccontare terapeutico, nelle sedi competenti, e a volte un raccontare spontaneo, con chi gli presta ascolto. La consegna del silenzio, magari per preservare la testimonianza, è una pretesa crudele e impossibile.

Ti sei rotto un dito
lo devi ingessare.

20160712 necessità 2a

Tra il primo giorno in cui un bambino riferisce di essere stato abusato sessualmente da un adulto e la sentenza del processo penale si susseguono tanti passaggi. A volte con il rischio che, a causa di tutte queste strutture, l’ultimo ascolto – quello che si fa in incidente probatorio – venga ritenuto dai consulenti tecnici e dai giudici non genuino e, quindi, inattendibile.

Sono un bimbo shakerato.
Sono pluri ascoltato.

20160705 shakerato 2

La violenza fisica o sessuale sui bambini è tra i reati più gravi, inaccettabili, carichi di conseguenze drammatiche nel breve come nel lungo periodo. Ma è anche una delle accuse più difficili da provare, specialmente quando i fatti avvengono tra le mura domestiche, perché nella stragrande maggioranza dei casi non ci sono testimoni ulteriori al bambino vittima del reato.
L’esperienza di giudici e operatori dice che, purtroppo, tanti processi per maltrattamenti o abusi sui bambini va a finire in niente. Cioè si assolve non per la certezza dell’innocenza, ma per non essere riusciti a provare niente.

20160621 missione 3

Son sempre gentilezze.
Babbo ha fatto le carezze
alla mamma, e gliele ha date
con le scarpe chiodate.

20160614 gentilezze 1

Il bimbo lancia i giochi
la mamma li raccoglie.
Un uomo ha gli occhi fiochi
e conta le sue voglie.

20160523 bambole rotte

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca