Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

L'importanza delle mediazioni narrative
per portare i ragazzi
a parlare di sé senza timori

20170418 racconti 1

I genitori disoccupati sono prigionieri di quella vergogna che viene tuttora veicolata dalla società. Il termine "disoccupato" dice tutto:  nega lavoro a una persona, gli toglie la sua identità sociale. La disoccupazione è fonte di una sofferenza psicologica grave e complessa. Il senso di colpa che i genitori sentono si riflette nella loro relazione con il minore. Per dire no, chiedere i necessari limiti, bisogna sentirsi legittimati... 

20170418 genitori disoccupati3

L'obiettivo del processo penale minorile
è quello di offrire
un'occasione educativa

20170329 occasione educativa

L’influenza delle disuguaglianze sociali sulla salute inizia da molto giovani. Dall'età di 10 anni, i bambini delle classi popolari (figli di operai e impiegati) hanno il doppio delle probabilità di essere sovrappeso e fino a quattro volte più probabilità di soffrire di obesità, rispetto ai bambini di manager e professionisti di alto livello.

20170314 obesità disuguaglianza

La necessità di tutelare deve integrarsi
con la spinta all'autonomia 
dei giovani adolescenti

20161010 dominanti 3

Educare i ragazzi attraverso la disciplina significa aiutarli a fare le scelte giuste consentendo loro di avere la libertà necessaria per poter imparare dai propri errori. La disciplina dovrebbe consistere nello stabilire regole precise e nel dare chiare conseguenze al loro rispetto o alla loro violazione.

20170308 disciplina 4

Il 16 febbraio a Torino, si è svolta la Conferenza Care Leavers Network Piemonte, intitolata “L’accoglienza con i nostri occhi”, avvenuta presso il prestigioso Palazzo Lascaris sede del Consiglio della Regione Piemonte.

20170302 care leavers 3

Sono tanti i genitori che fanno del loro meglio per intrattenere e stimolare i loro figli, con un sacco di libri, corsi di ginnastica, iPad e programmi televisivi. Ma che cosa accadrebbe se lasciassimo che i ragazzi si annoino di tanto in tanto? Quale sarebbe l'impatto di questi momenti di "vuoto" sul loro sviluppo?

20170208 noia e immaginazione 3a

Cosa evoca la parola "adolescente" nella vostra mente? Un golem brontolone, poco comunicativo e puzzolente? Un mix inebriante di CBA (can’t be arsed: non ho voglia di far niente) nonchalance e WTF (what the fuck: e che cazzo!) furioso? Un bambino troppo cresciuto o un adulto sottosviluppato?

20170112 propensione al rischio a

ATTENZIONE ALLA PERDITA DEI VECCHI VALORI - Premessa

Nell’era digitale, del tutto e subito, del multitasking, del trionfo iconico dei post, corriamo il rischio di perdere un lessico familiare conosciuto e di ritrovarsi nei momenti canonici di raccolta affettiva quali il Natale, nello sgretolamento del calore, della magia e dell’attesa che per secoli questa festa ha rappresentato e continua ancora per molti a presenziare.

20161219 Natale 1

Come da tradizione della Comunità Terapeutica Rosa dei Venti, regolarmente ogni stagione si fanno delle uscite in natura con l’intento di esplorare ogni volta un elemento naturale differente tra i quattro empedoclei: acqua, aria, terra e fuoco.

20161214 Laboratorio natura

Jeremy Hunt, un politico inglese conservatore, ha recentemente proposto di vietare per il legge il sexting  – l'invio di messaggi, testi o immagini sessualmente espliciti, tramite il cellulare o altri mezzi informatici – per i minori di 18 anni. Ma, sostengono coloro che criticano questa idea, esiste una sola opzione realistica quando si tratta di frenare gli impulsi sessuali degli adolescenti: non provarci nemmeno.

20161214 sexting divieto 1

Quando i ricercatori hanno chiesto ai ragazzi di individuare soluzioni e proposte per ridurre la violenza nella loro comunità, gli adolescenti hanno espresso raccomandazioni chiare: migliori opportunità di lavoro, più attività di dopo-scuola e un ambiente più pulito nella città.

 20151209 lavoro violenza 3

Il progetto educativo per accompagnare
i giovani all'autonomia,
tra diritti e doveri

20161116 verso lautonomia 2

Sofia ha 26 anni e ha da poco concluso il suo anno di Servizio Civile Nazionale presso la comunità educativa della Coop. Arimo “Casa di Camillo”, con sede a Carpignago.
Casa di Camillo accoglie fino a 10 ragazzi tra i 14 e i 18 anni, italiani e stranieri, inseriti in comunità con misure penali o con provvedimenti di affido all’Ente Pubblico e collocamento in comunità.
Per Sofia è stato anno intenso che l’ha messa alla prova più volte.
Quella che segue è la sua testimonianza, con cui cerca di farci comprendere cosa ha significato, per lei, questa esperienza di vita.

20161116 volontaria

1.         Introduzione

In questo scritto mi occuperò di dare conto delle ragioni che ci aiutano a comprendere la crisi sia del modello americano di welfare capitalism sia del modello di welfare state, quale si è andato realizzando in Europa occidentale a partire dal secondo dopoguerra. La presa in considerazione di tali ragioni servirà da guida per suggerire il modello di welfare di cui  le nostre società post-industriali hanno urgente bisogno per affrontare con successo le odierne sfide. Infine, passerò ad illustrare i principi fondativi sui quali si regge il welfare civile verso il quale auspico che la nostra comunità voglia muovere passi decisi e rapidi.

20161024 zamagni 2a

Annunciato ufficialmente il 15 settembre 2015, il gioco Pokémon Go sviluppato da Niantic inizia la sua scalata epidemica il 6 luglio 2016 in Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti d’America e dopo una rapida diffusione in vari paesi con scadenze prestabilite che ne hanno fatto aumentare in modo esponenziale l’ansia di attesa e la curiosità, il gioco arriva in Italia il 15 luglio 2016.

20160914 Volpi pokemon 1

Gli uomini commettono la maggior parte degli omicidi. Gli esperti, i politici e i media si spendono molto per spiegare, di volta in volta, le tragedie che si verificano, chiedendosi se siano dovute a malattia mentale, alla scarsa efficacia delle attività di prevenzione e di contrasto del disagio sociale o alla facile disponibilità di armi da fuoco.

Tutte queste possibili spiegazioni ruotano intorno a domande più grandi e centrali: perché c'è sempre un uomo dietro queste sparatorie? E perché è quasi sempre un giovane uomo?

20160831 armi 2

La povertà delle relazioni educative: 

quando gli adulti si sottraggono al loro ruolo

20160630 povertà educativa 1

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca